Tag Archives: Natale

PALLE DI NATALE, 25 dicembre 2011

Questo fottuto albero di Natale mi guarda e lampeggiano le sue lucine su questo tetro  arrivo della vigilia, nel bel mezzo del periodo delle convenzioni più marcate.  Questi giorni  pieni di lotterie  ma senza fortuna,  di centri commerciali e di gesucristi elettrici  e babbi natali che si inculano,  di tabacco rollato e fumato al freddo,   giorni saturi di addii e di gente che ritorna.  Rinchiuso in una stanza che puzza di stufa a gas,  perso tra i bar in una solitudine, respirando l’aria fredda dell’inverno.

Ho un vassoio ricoperto di avanzi di cibo da asporto sul davanzale, una bottiglia di spumante mezza vuota e ammuffita, l’amplificatore attaccato a una spina bruciata e la chitarra sul letto insieme a me.  Le lenzuola sono di nuovo grigie. Dovrò decidermi a lavarle un giorno. Esco di tanto in tanto per scendere al bar sotto casa dove un certo numero di persone con la pancia piena e sazia di cibarie paga e offre bicchieri di prosecco. Il sapore che ha quella roba è qualcosa tra l’acido e la muffa ma ubriaca in fretta e costa poco.  Ne butto giù pure io quanti riesco a prenderne.

Nei supermercati trionfano scritte come “ENJOY!” e  “PALLE DI RENNA FORMATO FAMIGLIA IN OFFERTA”. Ed happy new year, ovviamente.

Il sindaco, per incentivare il commercio, ha piazzato sopra le vetrine dei negozi e dei bar degli altoparlanti che diffondono incessantemente le musichette natalizie. All’inizio non ci faccio caso in mezzo al trambusto,  poi più  il jingle continua a girare più iniziano a girarmi i coglioni a tempo di sonagli di palle di renna. Infine basta essere poco attenti e distrarsi un attimo per urtare contro uno di quei pupazzetti barbuti che appena li sfiori iniziano a simulare la grassa e porca risata di Babbo Natale : ”OH OH OH”.

Proprio stasera credo di averlo visto dal vivo. Stava entrando furtivamente dentro il locale. Si è guardato bene attorno per assicurarsi che nessuno lo stesse vedendo ed è sgattaiolato per la porta del retro dove si è messo a fumare sigari e a buttare monete in una slot machine. Il gestore del locale gli ha sistemato una branda nello stanzino in modo che Babbo può restare a dormire lì quando esagera col bere.

Dalla finestra della mia stanza si riflettono sul pavimento le lucine rosse, gialle e blu, e riesco anche a vedere il balcone della casa del nostro Babbo. Le ante sono sempre spalancate e grondanti buste di immondizia; in mezzo, come a fare da ornamento c’è una vecchia sedia Ikea pieghevole spaccata. In giro dicono che ci abiti un pazzo. Solo io so che ci abita Lui. Dorme sul divano con un dito nel culo davanti alla tv accesa su trasmissioni di sesso telefonico.

Quest’ anno sembra avere la barba ancora più sudicia e unta, capita sempre più spesso che vada a rubare del cibo, qualche prosciutto o roba del genere durante le feste e che divorandolo avidamente si imbratti del tutto. Il whisky nemmeno lo aiuta ma gli dà quell’aria sorniona e bontempona che in lui tutti i bambini amano.  Ha messo su ancora qualche chilo e in casa sua deve avere il cesso otturato. Credo che ultimamente abbia bisogno di un medico ma non ha i soldi per pagarlo, spende tutto in gioco d’azzardo, whisky, sigari e qualche mignotta a buon prezzo. E’ facile che lo vedi tornare a casa talmente ubriaco da reggersi sulle spalle del travestito che gli fa da accompagnatore. Ma rimane sempre di buon umore, ed è solito canticchiare ai trans delle canzoncine natalizie  che si sentono fino alla mia finestra :

“non rubo in giro: faccio affari questo racconto ai miei compari… mi vesto in una maniera bizzarra ma solo per il gusto di trovarmi sempre al posto giusto… Mi vendo il culo e non mi lagno pur di avere un bel guadagno… Vado in giro per le strade facendo il compagnone finché ‘sto popolo riman coglione… Sono un pezzo di merda ma non lo dici perche vi faccio alla fin felici…”

Ah! Quello stronzo di Babbo Natale ! Dove c’è il brodo lì inzuppa la pagnotta !

Molti non sanno che ha anche l’anima del pezzente. Si sente derubato di continuo ma non lo dà a vedere. E’ davvero avido fino all’osso. Non gli frega un cazzo se alcuni bambini piangono e restano senza regalo.

Gesù Cristo ha fallito.  Ha lasciato che il suo compleanno diventasse la festa  di chi se la può permettere. Io e quelli come me restiamo nella merda e siamo delle merde, e dei  peccatori .  Chi vive nel merdaio se ne fotte di Dio. Chi vive in centro si mette il vestito e va in chiesa. Sicuramente quando scenderò giù al bar dopo la mezzanotte troverò un branco di tossici che si faranno gli auguri e comprerò a debito la mia dose. Così si festeggia il compleanno del bambinello da queste parti.

Per il resto sarà tutto normale :anche quest’anno il buon papà della villetta vicino al centro sarà costretto ad andare nei negozi per comprare il regalino al suo bel bambino dai capelli dorati. Il bambino del mio quartiere invece avrà un destino leggermente diverso .  Il suo vecchio uscirà di casa, sparerà un colpo di pistola in aria e rientrando gli dirà: spiacente ma Babbo Natale si è suicidato.

Advertisements

IRPINIA PARANOICA (24 DICEMBRE 2009)

Notte di Natale di cinque anni fa. Un vecchio post.

“”Se non ci sono slot machine,

se non c’è un televisore acceso con la partita,

se nessuno gioca a carte,

se non c’è puzza di birra,

se nessuno bestemmia…

non sei in Irpinia”

Voglio vivere in questa monnezza perché tanto c’è sempre una bettola a pochi metri, dove ubriacarsi per non vedersi allo specchio, e dove ubriacarsi per non vedere gli altri. Quando mi ubriaco sono l’uomo invisibile. E’ bello andarsene, anche in senso metafisico, perché ciò contempla anche un ritorno.

Andarsene dal “carcere senza porte”. I paesani sono quelli che gufano, che si sentono continuamente derubati, che ti spiano da dietro gli angoli, che parlano sottovoce, avvelenati e striscianti come delle serpi. Accaniti come i lupi per sbranarsi un pezzo di carne, e sempre prostrati ai potenti di turno, e alle forze dell’ordine. Sovente provo a sparire e ci riesco.

Quando me ne vado e sto da solo, mi capita di svegliarmi in letti sporchi di sangue mestruale sputando peli di fica, alle 5 del pomeriggio, gonfio di alcool e droga, in mezzo alla mia merda, con le mosche che mi girano intorno, perché pensano che io sia morto.

Spesso mi chiedo perché sono fatto così.

Sono noioso. le persone che si annoiano sono sempre noiose, e non sono nemmeno alla moda. e sono vecchio.

Sto bene, sto male, non so dove stare, non so come stare, non so cosa fare. Sono paranoico, depresso, perplesso, spaventato dalla gente, diciamo che sono morto.

La verità è che sono un giovane-vecchio, mi ci sono sempre sentito, infondo. Io sono cresciuto tra i vecchi. Da bambino trascorrevo le mie giornate seduto su uno sgabello verde di legno nel circolo dei pensionati del paese, perché già allora le giornate erano lunghe, pesanti e tediose. Tra odore acre di mazzi di carte, di Peroni e nazionali senza filtro. All’ombra delle sputacchiere, dei muri ingialliti, delle travi di legno ammuffite che sorreggevano il soffitto, e cessi gialli. Argomenti di calcio e di politica, televisori accesi su novantesimo minuto e sulle partite della domenica. Tra dicerie popolari, personaggi singolari, scenette da teatro. Già da bambino, avevo troppi ricordi. C’era già chi era stato quarant’anni in America, ed era tornato pieno di ricordi e di storie da narrare che io ascoltavo. Era stato presente allo sbarco degli americani a Napoli. Aveva mangiato le banane con la buccia mentre gli americani le scaricavano come aiuti umanitari, ed era stato portato al pronto soccorso per averle ingerite voracemente.

Mi hanno sempre raccontato la scenetta che vi era lì una volta, in quella piazzetta attorno al bar dove il gestore  del bar Italia passava dall’imitazione di Mussolini all’ affibbiare nomignoli a tutti i paesani. A ognuno il suo, messo con malignità gratuita e ad arte, valido anche per i figli e per i loro nipoti. Tutti i racconti mi fanno pensare che non avrei mai voluto vivere nemmeno in quell’epoca.

I miei nonni subirono il fascismo e furono prigionieri in Germania. Io in questo paese. Erano quelli che mi davano i consigli mentre mi portavano a scuola.

Mio nonno andava in giro con una pistola in tasca, ed era aiutato anche dalla sua stazza a incutere timore. Era sulla via di Lacedonia, quando un furgone gli rallentò la marcia. Cacciò la pistola fuori dal finestrino e sparò. Gli bucò una gomma, il furgone finì nella cunetta e mio nonno poté passare agevolmente col suo carico di latticini.

In modo o nell’altro loro ce l’avevano fatta a restare qui.

Quando quelli che se ne sono andati tornano dal nord, mettono in evidenza il loro distacco nei confronti di questa realtà sotto culturale che viviamo, e non sei più un cazzo. Anche pochi mesi fuori possono segnare un grande distacco dalle proprie origini, dalla propria famiglia e dai propri amici. Mentre ricordo che una volta, nel circolo dei pensionati, si vide arrivare un vecchio da lontano, da dietro la cattedrale. Era uno del paese, nato qui. Era stato almeno quarant’anni in Belgio o in America, non ricordo, ed era tornato per la prima volta. Quando arrivò davanti al bar, che nel frattempo era diventato tabacchino, riconobbe il suo posto e gli altri lo riconobbero. Niente lamenti, niente scene strazianti, niente parole inutili. Sembrava che fosse sempre stato lì. Lo accolsero con un –uè, tutt’apposto?- prima di sedersi al tavolo per giocare a carte, come sempre. La vita infondo non meritava tanti sbattimenti e commiserazioni.

In questo locale, oggi, ci sono solo io, nemmeno il proprietario. Il volume dello stereo è altissimo, e spara nell’aria musica ridicola, finta e scadente che nessuno sta ascoltando.

Qui sono morto. Qui divento paranoico, violento, ossessionato, ansioso, nervoso, depresso, e infine vecchio, molto velocemente. Qualcuno si è svegliato dopo venticinque anni e non se n’è accorto che intanto gli è trascorsa la vita. Mi hanno condannato. Problemi di tempo, problemi di spazio. La cosa migliore da fare è continuare a bere.

Qui ci si può solo impiccare a un ramo del tiglio immaginario che domina la piazza, e che una volta la dominava per davvero, ma ora non c’è più nemmeno quello. Perché qui non puoi lavorare senza essere sfruttato. Perché qui non puoi scrivere, non puoi suonare, non puoi fottere. Non puoi essere padrone della tua vita. I veri padroni sono sempre gli altri, qualcun altro.

Mi dico che dovrei vivere di notte per le strade di qualche città, vedere quanto fa schifo la melma umana che non sta mai ferma e che produce guasti, infezioni, malattie e decadenze. Stanotte la luce bianca di cattivo gusto che illumina il bancone sembra la luce che mi sta portando a miglior vita. La luce finale dovrebbe essere accecante come quella di una sala operatoria. Il vento fuori continua a muovere le foglie secche e le buste di plastica mentre io sfoglio le pagine del Manifesto. E’ una totale paranoia. Mi guardo attorno, mi sento spiato e condannato.  Mi manca l’aria, trattengo il respiro, sono agitato. Irpinia paranoica.

Parlano di vestiti e i vestiti non mi interessano. Vanno in discoteca, ascoltano musica da discoteca.Sono accaniti con le carte, con il calcio e con tutte le stronzate e i passatempi che esistono al mondo.

L’Irpinia è una terra che sta a sud dell’europa, a sud dell’italia, e a sud del sud. Non la caca nessuno. E i ragazzi si vestono imitando la moda milanese, formando un connubio altamente trash.

Alla vigilia di Natale qualcuno che la pensa come me si sta facendo di eroina o di cocaina al freddo in una macchina con i sedili sfondati, e beve whisky. E si chiede perché.

Durante le feste la gente diventa strana e io divento più depresso e più paranoico.

Ci sono persone che escono solo alle feste e io mi chiedo che razza di persone siano. E mi capita di rivedere vecchie conoscenze, l’ex ragazza che sta con un altro felicemente, altre tipe che flirtano coi miei amici.

Diventa difficile trovare un posto tranquillo dove andare a bere, in un paese dove si conoscono tutti. Non si può stare salvi. Non si può cantare, perché vedono i sintomi del tuo malessere e sei un’anomalia.

Bere durante le feste natalizie è ancora più triste.

Ogni Natale, per chi non ha empatia e non ha solidarietà, per chi non ha soldi o famiglia, è la sublimazione dell’inferno. Un morire  di più, tra macchine, soldi e merci.

Ogni Natale di un uomo passato a bere e a farsi da solo è un fallimento del mondo. Ogni volta che un uomo si chiede perché Gesù Cristo ha fallito andando in croce.

Fanculo le lucine di questo fottuto albero di Natale che mi guardano, fanculo le renne, fanculo tutto.

Conservo soltanto dei bei momenti, il mio patrimonio. Non c’è nient’altro di umano al mondo, specialmente a Natale. Il resto, come al solito, non lo so, non lo voglio capire e mi faccio da parte.

Le simpatiche storielle di Natale (tre ritorni a casa)

Image

  1. Confessioni di un eroinomane

L’eroina è la cosa migliore che c’è in Irpinia. Non ti fa sentire la noia, non ti fa sentire addosso gli sguardi, non ti fa girare da tutte le parti in preda alla paranoia, ti fa sentire bene. L’eroina è come una coperta. Ti avvolge, ti tiene al caldo, ti scalda il cuore. Ogni giorno ho la mia dose, me la tiro per il naso perché ho paura degli aghi, anzi mi fanno schifo. Bevo moderatamente, non fumo niente. L’unico problema è andarsela a comprare a Napoli ogni volta, coi posti di blocco, la finanza e cazzi vari. Non la prendo da sti pezzi di merda che stanno qui in paese da una parte per i soldi e dall’altra perché qui si inculano a vicenda, cantano, fanno le spie degli sbirri per non farsi arrestare a loro volta. Tutti i miei amici me l’hanno messo nel culo. Non so più che cosa significhi realmente quella parola.

Continuo a farmi perché so che morirei lo stesso a causa di qualche altra cosa. Tutti in fin dei conti stiamo morendo.

Il punto è che io con l’eroina ci sto bene, l’eroina mi fa stare bene. Vorrei soltanto andarmela a prendere dal mio medico con tanta di prescrizione giornaliera ma non me lo lasciano fare. Non hanno capito che è l’unica cosa che mi fa stare bene. Perché vogliono farmi crepare in questo paese di merda? Perché vogliono farmi soffrire? Perché non mi lasciano fare quello voglio senza dar fastidio a nessuno?

Un altro problema sono i soldi, pochi mesi fa la falegnameria dove lavoravo ha chiuso e la mia situazione è peggiorato di molto. Credo che lo stato me la debba dare gratis. Ma proprio adesso pare che posso iniziare a fare l’imbianchino. Riesco a camparmi e a stare bene da solo, senza nessuno, ma per qualche fottuto motivo la società vuole includermi per forza nella sua lista di cittadini per bene. Io non voglio farne parte. Credo che la società mi stia stuprando. Credo di essere il suo prodotto malato, avariato e di non avere colpe. Sono il prodotto malato della vostra società.

Ho 32 anni. Ho deciso di rinchiudermi, di starmene a casa e farmi. In pace. Sono tornato per Natale e rispetto la tradizione sparandomi le botte. Chissà se Gesù Cristo lo sa che il suo compleanno è diventato la festa dei tossici, ma chi se ne frega.

Tutto ciò che potevo fare l’ho fatto, sono stato in Spagna, ho fatto l’hippie, ho girato il mondo, ho scopato con donne di tutti i pianeti, venusiane, marziane, lunari, terrestri. Mi sono mescolato con ogni razza, ho vissuto in ogni cesso, ho dormito in ogni pattumiera, ho vomitato su ogni marciapiede, ho visitato ogni ospedale, ho visto ogni galera. Chiederei soltanto di essere lasciato in pace. Sono tornato a casa per farmi. E non me la lasciano fare.

2. Avere una casa solo in inverno

E’ settembre e  finalmente nel bar siamo rimasti noi tre. L’estate chiassosa è finita e si è portata via gentaglia, svizzeri, finti turisti, i parenti dei parenti degli amici di chissà chi, manifestazioni assurde, sagre della merda, riscoperte di tradizioni insignificanti o inesistenti. E’ finito tutto. Finalmente sono spariti anche gli insetti, fastidiosi talvolta come le persone irritanti che mi trovo attorno. Insetti, persone. A volte non colgo più la differenza. Adoro l’inverno perché muore tutto. Odio l’estate, mi ripugna la primavera con tutto quel fiorire di piante, di vita e di forme di vita orribili. Ora l’estate è morta. E’ autunno e tutto muore. Finalmente l’aria diventa amica. Penso all’inverno dell’universo, mi verrebbe voglia di spegnere tutte le stelle e fermare i movimenti vorticosi di tutti i pianeti per trovare un po’ di pace.

Comunque oggi ho anche la fortuna di potermi rimettere il cappotto, di potermi nascondere sotto il cappello. E’ bastato questo cambio di abiti per rendermi felice.

Siamo rimasti in tre come in quella canzone siciliana.

Mario (lu voju) che beve birra e gin, Cilestu (lu sballatu) e io (lu pacciu) che beviamo birra.

E’ presente anche Giovanni con la sua grappa che parla di politica e Gerardino coi suoi campari gin che parla dei suoi antenati arcipreti e monsignori.

Gioso, che ormai è senza stomaco, vestito da militare, che parla sempre male dell’INPS che non gli da la pensione d’invalidità.

E’ tornato tutto normale. Beviamo come in una confraternita.

Dico: “uagliu'(anche se l’età media è 45 anni), mi sembra ca so’ turnatu a casa”. E tracanno la dodicesima Peroni.

3. Nella città delle luci

Mi sono buttato qui io, l’ho deciso io, in mezzo a questa cloaca di bar finti, di gente finta, di radical chic di sinistra, in questa città piena di luci…E’ tutto addobbato, ogni prezzo è raddoppiato. Siamo sotto Natale e tutti iniziano a sentirsi degli straccioni e dei miserabili perché non riescono a comprare quello che vorrebbero. Le strade sono molto più trafficate, anche in Irpinia. Vorrei chiedere a tutta questa gente cosa cazzo gli passa per la testa, perché questa frenesia. Vedo luci ovunque, la mia stanza sembra quella di un motel decadente. L’intonaco cade piano piano a pezzi nel mio piatto di spaghetti cucinato troppo in fretta. L’umidità mi spezza le ossa e fa proliferare stormi di moscerini e di insetti, pare quasi che abbiano scelta la mia stanza per sopravvivere all’inverno. Il migliore acquisto che ho fatto quest’anno è stato un pacchetto di tappi auricolari di cera per non sentire i trapani dei lavori in corso alle otto di mattina, per non sentire i vicini con la loro musica neo melodica, per non sentire le urla di gente all’ultimo stadio della follia.

Le lucine tristi lampeggiano da sole, vorrei addobbare anche me stesso per sentirmi un tutt’uno con il resto. Mi viene voglia di andare in giro come un albero di Natale, come un pacchetto regalo, da consumare preferibilmente entro il 7 gennaio. Il Sindaco ha appena inaugurato una renna luminosa fatta di lucine scintillanti, lo si vede ovunque ormai, anche in televisione.

Questi bar radical chic sono frequentati da gente totalmente insensibile e disumana, di una brutalità inaudita, che cerca di ostentare la propria sensibilità umana e artistica, la propria intelligenza, la propria erudizione in tutti i campi.

Mi accorgo che sono totalmente tagliato fuori dal contesto.

Soprattutto quando iniziano a danzare sui balli caraibici o sudamericani, non so, quella roba lì che li fa ballare e gli fa agitare i culi appassiti. La latino americana è davvero l’espressione della musica capitalista più becera e disumana e pur essendo totalmente avulsa da questo contesto è onnipresente per un non so quale moralismo di fondo.

E’ quasi Natale e credo di andare a vedere com’è la situazione a casa dei miei, in Irpinia. Si, torno a casa, ho voglia di un po’ di silenzio, auditivo e visivo.

Durante il viaggio passo per Solofra e sento una puzza asfissiante di scarichi tossici abusivi legati all’industria conciaria, passo per Atripalda e sento le polvere sottili che mi entrano nelle narici e hanno l’odore di pneumatici bruciati. Torno a casa e trovo il silenzio.

Mi siedo. Stanco. La tv trasmette un film su Nelson Mandela, un eroe contemporaneo. L’industria cinematografica di Hollywood aveva calcolato con estrema perfezione la data della sua morte e domani sarà in uscita un altro film sulla sua vita, sicuro campione d’incassi.

Sempre di più si è varcato il limite, e chissà di cosa saremo capaci di fare stavolta. Sarà ancora più degli altri anni un Natale a due velocità: quella degli aristocratici, i nobili e quella dei pezzenti e dei morti di fame, noi. Il divario tra queste due parti sociali ha superato ogni immaginazione, siamo arrivati al punto che la maggior parte dei pezzenti e dei morti di fame fa il tifo per il nobile condannando i fenomeni di protesta in piazza e l’utilizzo dei forconi contro il boia aristocratico. Soprattutto l’area della sinistra condanna ogni tipo di rivolta con un vago disprezzo e un sottile distacco intellettuale. Quello che è certo è che sarà un Natale assai mesto e paranoico, lo si continua a festeggiare per inerzia ma davvero non capisce più chi è nato e perché, non ha più importanza. Mi sale l’ansia e basta, avverto maggiormente un forte sradicamento e la paura di non farcela, la paura che tutto questo mi travolga.

Bussano alla porta, apro, vedo due cinquantenni con delle zampogne addosso. Li faccio entrare, li faccio suonare ma li lascio soli nella stanza, io mi rinchiudo in quella adiacente per non sentirli, non tanto per il baccano ma perché davvero non voglio guardarli in faccia. Alla fine rientro, gli do tre euro e li ringrazio. Un tempo sotto Natale i bambini si organizzavano per suonare la novena e racimolare un po’ di soldi, adesso ci ritroviamo a dover aiutare i cassaintegrati e i disoccupati di cinquant’anni.

Non riesco a restare chiuso in casa e decido di uscire, prendo la macchina che ha l’iniettore difettoso da secoli e mi butto sull’Ofantina, prendo l’uscita del primo paese.

Entro nel primo bar e  mi guardano male, con aria minacciosa. Non sopportano quelli dei paesi a fianco, però li avevo visti tutti mentre su internet pubblicavano dei link su Mandela e contro il razzismo, pro immigrazione e quant’altro, per sentirsi cosmopoliti. Li avevo visti in giacca e cravatta e sorridenti andare in chiesa, li avevo sentiti parlare di umanità e di solidarietà prima delle elezioni.

Tutto il resto è un vecchio teatrino di affannosi saluti, troie che entrano ed escono da macchine costose, tutti gli altri attaccati ai muri a fumare, tanti auguri e fiumi di prosecco scadente che mi farà vomitare.

Buon Natale

 

Capone