Tag Archives: Bisaccia

Irpinia, mon amour: il film dove interpretiamo noi stessi.

Regia: Federico Di Cicilia
Durata: 75’
Origine: Italia, 2015
Soggetto: Federico Di Cicilia
Sceneggiatura: Federico Di Cicilia, Pierpaolo Di Marino
Interpreti: Franco Pinelli, Bruno Ricci, Angelo Rizzo, Francesco Prudente, Luigi Capone, Sonia Di Domenico, Roberto Cipriano, Daniele Cipriano, Tina Di Marino
Musica: Notturno Concertante, Molotov, Jambassa, Mou, Black Era
Fotografia: Pierpaolo Di Marino
Montaggio: Federico Di Cicilia
Produzione: Jamfilm

L’Irpinia non è poi così tanto lontana da Hiroshima o da Chernobyl. L’evento catastrofico del 23 novembre 1980 si riverbera ancora sulle nostre vite quotidiane. Ci sentiamo quasi dei superstiti. Abbiamo ricordi d’infanzia fatti di suoni e immagini: ruspe e lamiere. Quando ci risvegliamo da quest’incubo ci rendiamo conto che viviamo in paesi che sono periferie di città che non esistono. La disoccupazione è al massimo storico. Si aprono musei dell’emigrazione ma la fuga da queste zone non è mai stata così massiccia. Molti partono per la guerra. Un posto di lavoro come un altro (?). Ci sono atti di ribellione disperati e quasi sempre destinati al fallimento o a un finale tragico. Non è un film dell’orrore ma è la realtà di un entroterra meridionale qualsiasi. Le scene sono state girate in Alta Irpinia tra Nusco, Villamaina, Frigento, Gesualdo, Bisaccia e Lioni ma riassumono le vicissitudini di un paese solo, quello della mancanza di speranza e dello spopolamento, delle fabbriche chiuse, dei miliardi spariti nel nulla, dei suicidi. Il “Re” del feudo, cioè il carnefice, si confonde con le vittime, cioè i sudditi. La ragnatela – dai connotati sempre democristiani – finisce per inglobare tutto. Si passa di colpo da questo paese alla “visione” dall’alto dell’Afghanistan. Un solo claustrofobico mondo.

Federico Di Cicilia, da attento conoscitore della sua terra, e con la preziosa collaborazione nella sceneggiatura di Pier Paolo Di Marino, ha colto questi ed altri aspetti; durante la produzione di Irpinia mon amour la sua intenzione era quella di dipingere un quadro definitivo dell’Irpinia, di parlarne in maniera esaustiva per chiudere un capitolo della sua produzione cinematografica. Questo quadro contiene a sua volta altri quadri, assistiamo così alla rappresentazione di varie “Irpinie”. Una di queste è “Irpinia Paranoica”, un episodio del film che ci vede protagonisti con le nostre tribolazioni e con le nostre tematiche. E’ un film nel film che ripercorre “I cento non-luoghi irpini dove andare a suicidarsi”. Le intenzioni dei protagonisti dell’episodio sono tragicomiche e in fondo furbesche e passando per scene da bar di paese, psicofarmaci e birre Peroni culminano in una “visione allucinatoria” finale che consegna un senso a tutte le loro (nostre) azioni. E’ l’eterna battaglia dell’uomo contro l’invisibile “Cosa”. C’è Ulisse che si schianta contro la montagna del Purgatorio, c’è il fatto che la concezione di bene è assolutamente relativa e non assoluta.

Il montaggio mescola spesso il grottesco con il tragico a voler decretare che la vita in questo territorio non è una cartolina ma un quadro complicato se non inintelligibile. Non si nega la provocazione, l’humor nero, non si nega il tragico e non si nega nemmeno il grottesco. In questo film vediamo materializzarsi in un tutt’uno la merda e i fiori mentre scorrono in sottofondo preziosissime citazioni, tra le quali una di Pasolini.

Quasi tutti gli attori sono dei bravi professionisti ma ognuno, in fondo, esce fuori dal suo “mestiere” e recita solamente la parte di se stesso. L’abilità di Di Cicilia è quella di far venir fuori le anime di ciascuno degli attori costruendogli una maschera che si rivela più vera del vero. A me fu chiesto semplicemente di seguire il copione recitando la parte di me stesso ed è quello che si chiede allo spettatore; si chiede l’oneroso compito di riconoscersi in quei personaggi e di interpretare il proprio comportamento in un determinato contesto, in un determinato spazio e in un determinato tempo. Se il problema fino a poco fa “erano gli altri”, all’improvviso ci rendiamo conto che noi siamo parte del problema. Durante le riprese bevemmo realmente almeno mille birre ma l’atmosfera ilare era sempre velata da una forte malinconia. L’esperienza del tragico, la consapevolezza del reale disagio sconfina semplicemente nel bisogno di una visione onirica, di un piano surreale, poiché non vi è altra via di fuga. Vincono i cattivi e diciamo che sono buoni solo perché hanno vinto, e grazie a noi, inconsapevoli come le mucche in transumanza, appollaiati davanti ai bar o sugli scalini della piazza. I vari antagonisti soccomberanno ognuno a proprio modo, chi nel delirio narcisistico della propria immagine, chi nella rinata consapevolezza dell’inutilità di ogni propria azione. E’ in questo modo che il vero protagonista risulta essere l’occhio dello spettatore perché è lui che in qualche modo crea le scene, è lui che le ha vissute, che le vive e che ha contribuito a produrle.

Advertisements

ESTATE 2014 – Consigli per l’avellinese in viaggio verso Est

Dopo il post riguardo alle 10 cose da fare in Irpinia, pubblichiamo dei validi consigli per un buon viaggio ad est del capoluogo.
Come ogni anno alcuni paesini saranno invasi da voi, abitanti del paesone capoluogo. Pertanto la Farnesina vi invita a seguire le seguenti istruzioni:

1)      Sappiamo che non potete fare a meno della vostra bevanda preferita, ma non chiedete birra Ceres. Potrebbero rifilarvi qualche avanzo dei primi anni 90. In paesi come Sant’Andrea di Conza, Calitri, Cairano, si beve solo Peroni da 180 anni.

01

2)      Il “vino del contadino” è una vostra invenzione. Ogni vino è del contadino. Per cui evitate di dire stupidaggini nei ristoranti.

02

3)      Gli altirpini non hanno gli anelli al naso. Sono stati costretti a uscire dal loro paese, voi al massimo siete arrivati a Fisciano. Per cui evitate di mettervi a filosofeggiare con gli autoctoni pensando di avere a che fare con bifolchi ignoranti. Potreste rimediare pessime figure.

03

4)      Per le ragazze. Non ci sono particolari consigli. Il tipo rude che vi insegnerà a ballare la tarantella potrebbe però facilmente “ngostarvi” vicino al muro. Nel caso in cui il tipo sia di vostro gradimento, nulla quaestio (non ci sono problemi). In caso contrario ribellatevi, ma non chiamate a raccolta i vostri amici di città. Se loro hanno i coltelli, sui monti d’Irpinia potrebbero facilmente aggredire gli amici con l’accetta.

04

5)      Non si segnalano criticità dovute a conflitti nelle zone di confine.

05

6)      La distribuzione idrica è stata ripristinata ma l’acqua risulta non potabile in alcune zone grazie ai vostri solerti funzionari.

06

7)      Non si raccomanda di evitare luoghi di eventuali manifestazioni ed assembramenti durante il soggiorno nel Paese. Gli assembramenti sono un miraggio. Ma forse c’è Capossela.

07

8)      “Uaaaa ma qua è proprio bello, quasi quasi mi trasferishhhhsco”. Generalmente questa frase ricorrente viene ascoltata con fastidio. La risposta che qualcuno potrebbe darvi è: “Statti addu te truovi, chi cazzo te ‘ole?”.

08a

9)      Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoinIrpinia. Si raccomanda altresì – una volta in loco – di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi.

09

10)   Strutture sanitarie: le strutture ospedaliere locali semplicemente non esistono. Ma a questo punto il faidaté è consigliabile. Sempre meglio che recarsi al Moscati passando per la Bonatti.

10

11)   Evitate di riprendere i volti degli autocnoni con le vostre reflex d’artista. Gli autoctoni potrebbero ribellarsi con bestemmie e minacce. Loro sanno che potrebbero finire sugli schermi del festival di rione Mazzini, al massimo.

11

12)   Trasporti: inesistenti, come gli ospedali. Ma se tirate in ballo la storia della Rocchetta Sant’Antonio-Avellino potreste non ricevere risposta. In Alta Irpinia nessuno ha mai preso quel treno. Molti continuano a ignorarne l’esistenza.

12

13)   A domande come “ma qua d’inverno fa freddo?” la gente potrebbe rispondere prendendovi a calci.

13

14)   Il provolone impiccato è semplicemente un provolone riscaldato dal basso verso l’alto. Con un po’ di impegno e un buon prodotto potreste addirittura mangiarlo sul vostro balcone di Avellino.

14

15)   Le castagne, se cadono, cadono d’autunno. Ricordatevelo.

15

16)   Durante le sagre, soprattutto del vino, non rendetevi protagonisti. Il protagonismo qui non è visto di buon occhio.

16

17)    Questo non è il Magic Bus di Into the Wild. Siamo in un bosco di Nusco, mica in Alaska!

17

18)   Fotografare le pale eoliche è reato punibile con la pubblicazione sul National Geographic delle foto del corso di Avellino.

18

19)   I parcheggi “a zoccolo di gnu” qui non sono previsti. Multe a raffica ma anche danneggiamenti materiali all’auto.

19

20)   Nei mesi caldi e affollati è buona maniera al bar lasciare libero il bancone e liberare la fila all’autoctono di turno, pena la rissa.

20

21)   Gettare mozziconi accesi dal finestrino, soprattutto circumnavigando il Formicoso, nei mesi più caldi è assai pericoloso. Spegneteveli in bocca, prima di buttarli (anche se non si fa).

21

22)   Se vi ritrovate in un corteo in mezzo a gente con giacca verde, non state andando al Partenio. E’ lo sciopero dei lavoratori delle comunità montane.

22

23)   Quando vi recate in una azienda agricola a comprare agnelli e caciocavalli, non chiedete il ribasso del prezzo. Verrete messi alla porta in automatico.

23

24)   Non decantate con gli amici al ritorno ad Avellino di aver mangiato il Carmasciano. Questo formaggio di fatto non esiste (è prodotto da solo 4-5 micro-aziende, non sempre disponibile e costa 50 euro il chilo). Avrete mangiato al massimo ricotta di qualche caseificio industriale.

24

25)   Se scoprite per puro caso Luogosano, dateci notizia.

25

26)   Se la spia del vostro serbatoio è in riserva, siete automaticamente morti sul Formicoso. La distanza tra paesi è abissale, le strade sono pessime e le stazioni del carburante sono lontane anni miglia l’una dalle altre.  Di inverno, ricordatevi di portarvi una tanica piena di benzina. Ma consigliamo vivamente di non avventurarvi. Oltre a non saper guidare sulla neve (cazzi vostri), potreste causare disagi alla circolazione (in tale caso sono sempre cazzi vostri).

26

27)   I corsi dei nostri paesi sono lunghi 50 metri, non di più . Evitate di percorrerli 60 volte per non creare l’effetto noia.

27

28)   Le mefite non sono come le solfatare. Si muore avvicinandosi troppo. Ottimo posto per i suicidi, comunque.

28a

29)   Se il Parco archeologico di Conza è chiuso, non si deve necessariamente scavalcare. Basta telefonare alla pro loco, un gesto molto civile.

30)   Non provateci con le donne del posto, soprattutto improvvisando caffè filosofici. Le donne qui sono cosa rara: o sono fidanzate oppure sono già oggetto del desiderio di altri maschi (rapporto di 1 a 7). Il paliatone vi attende.

31)   Se andate in Irpinia d’oriente, non dovete indossare kefiah o burqa, ma potreste imbattervi in milizie talebane.

32)   Ti ubriachi e sei felice?!? Ecco, non rompere i coglioni cantando questa canzonetta alla Fiera Enologica.

33)   Lasciate stare zi carminuccio a Cairano. Non tartassatelo con foto e video altrimenti suonerà una quadriglia al vostro funerale.

34)   A furia di vedere gente di Avellino che si strafoga di cannazze, le istanze separatiste dei calitrani si fanno sempre più forti al grido di “Calitri Lucana”. Evitate discussioni politiche a Calitri.

34

35)   Se cercate la villa del grande G. sappiate che non ha una base d’atterraggio spaziale e un diametro di 6,5 km ma non è manco come casa vostra.

35

36)   Tornando da Materdomini non ostinatevi a raccontare ai vostri amici che siete stati in un bel posto e avete mangiato bene con quattro soldi.

37)   Quando tornate non raccontate ai vostri amici che siete stati in Puglia solo perchè avete visto un campo di grano.

38)   Se siete arrivati a Bisaccia e state iniziando a fotografare anche le maniglie delle porte, iniziate a preoccuparvi.

39)   Buttare la carta fuori dal finestrino o, peggio ancora, le bottiglie vuote di ceres, portate con voi da Avellino, può essere una buona idea per farvi bestemmiare “morti e chivammuort”! I nostri paesi sono comuni ricicloni che nulla hanno a che fare con le vostre strade sporche.

40)   Prima di arrivare avvisate che stacchiamo internet, ci mettiamo le vesti tipiche e balliamo la tarantella.

41)   Se venite da Avellino e chiedete “ma come fate a vivere qui”, tenete presente che ce lo chiediamo pure noi di voi quando veniamo al paesone.

42)   Se vedete un Cristo con le braccia aperte, non siete a Rio e nemmeno a Maratea. Siete solo arrivati a Montella.

4143) Se non conoscete le strade, si consiglia di non avventurarsi nemmeno muniti di navigatore.

42